GIORNATA NAZIONALE IN MEMORIA DELLE VITTIME DELL’IMMIGRAZIONE

GIORNATA NAZIONALE IN MEMORIA DELLE VITTIME DELL’IMMIGRAZIONE

1 Ottobre, 2019 Off Di curatore

LOCANDINA

TESTO DELLA LEGGE CHE ISTITUISCE LA GIORNATA

L’Ufficio diocesano Migrantes, il prossimo 3 ottobre, in occasione della GIORNATA NAZIONALE IN MEMORIA DELLE VITTIME DELL’IMMIGRAZIONE, secondo lo spirito della Legge che l’ha istituita,propone due momenti:

  • alle ore 10.30, al Cimitero Monumentale, preghiera interreligiosa e offerta dei fiori sulle tombe dei migranti forzati. Ascolteremo la testimonianza di chi ha vissuto il dramma del viaggio, di chi ha praticato accoglienza nelle strutture preposte, di chi ha aperto la propria casa per accogliere un richiedente protezione. Parteciperanno gli studenti di alcuni Licei cittadini che, aiutati dagli operatori dell’Ufficio diocesano Migrantes, nei giorni a seguire approfondiranno le tematiche che riguardano le migrazioni forzate;
  • alle ore 21.30, al Monte di Pietà, serata di memoria e riflessione con parole, immagini, musiche e danze. Tanti artisti hanno aderito per dare, gratuitamente, il loro contributo e per raccontare una “nuova narrazione” su un tema così sensibile che coinvolge la vita di tanta umanità impoverita e discriminata. L’evento è in collaborazione con l’Arciconfraternita degli Azzurri e della Pace dei Bianchi.

La Giornata è stata istituita con la Legge dello Stato n. 45 del 21 marzo 2016, ricordando la data del 3 ottobre 2013, quando un’imbarcazione carica di migranti, in maggioranza eritrei, affondò a mezzo miglio dalle coste di Lampedusa. Si trattò del naufragio più grave accertato in termini di perdite di vite umane: 368 morti certi, altri venti presunti, 155 superstiti, di cui 41 bambini. Nei 3 articoli che compongono la Legge, viene evidenziato che essa è stata voluta per conservare e rinnovare la memoria di quanti hanno perso la vita nel tentativo di emigrare verso il nostro Paese per sfuggire alle guerre, alle persecuzioni e alla miseria. La giornata è momento privilegiato per sensibilizzare l’opinione pubblica alla solidarietà civile nei confronti dei migranti, al rispetto della dignità umana e del valore della vita di ciascun individuo, all’integrazione e all’accoglienza. Particolare attenzione viene data agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado.