Apriamo questa pagina per chi volesse segnalare eventi, manifestazioni, particolari appuntamenti di interesse collettivo

Iniziative varie...

Anno 2018

 

 

 

Padre Giuseppe Marrazzo: chiusura del centenario della nascita

 

Il 4 e 5 maggio prossimi, prima presso l'Università degli Studi di Messina e poi presso la Basilica Santuario S. Antonio (ME), si terrà una due giorni per ricordare Padre Giuseppe Marrazzo, nella chiusura del centenario della sua nascita. Sabato 5 maggio, dopo la Celebrazione Eucaristica presieduta dall'Arcivescovo emerito di Reggio Calabria, S.E. Mons. Vittorio Mondello, sarà inaugurata la Sala dei ricordi di P. Marrazzo.

Locandina

 


 

“Andate anche voi nella mia vigna” (Mt 20, 4). Percorso di approfondimento sul ruolo dei laici nella Chiesa e nella società del nostro tempo

 

L’Azione Cattolica Italiana celebra quest’anno i suoi 150 anni di storia associativa; la formazione cristiana, la evangelizzazione e la santificazione degli uomini costituiscono capisaldi della propria attività, tutta volta a “far incontrare il Vangelo con la vita” (S. Giovanni Paolo II). Chiamata a scrutare anch’essa i “segni dei tempi”, l’Azione Cattolica diocesana si sente profondamente interpellata dai problemi e dalle necessità della propria Chiesa locale, in un tempo in cui non pochi sono altresì i semi di speranza che è possibile cogliere. Pertanto il Settore Adulti si sente in dovere di offrire un proprio piccolo contributo proponendo all’Associazione stessa e all’intera Chiesa locale un percorso di riflessione sul ruolo dei laici nella Chiesa e nella società del nostro tempo. Si tratta di un Progetto, in collaborazione con la Fuci e il Meic, che si snoderà in tutto il Triennio associativo e che prevede una serie di incontri “itineranti”, che si svolgeranno al Centro Diocesano di Azione Cattolica (presso il palazzo dell’Arcivescovado), in qualche parrocchia ed in altri luoghi della Diocesi; in tal modo, infatti, l’AC si propone di “Abitare” il territorio e di andare incontro a tutti coloro che fossero interessati alle iniziative in programma (seminari, presentazioni di libri, testimonianze, etc.). Ci si chiede, a distanza di più di 50 anni, fino a che punto gli insegnamenti conciliari possano dirsi attuati, almeno per la parte relativa al laicato; a tal proposito, con questo Progetto si spera di offrire qualche spunto di riflessione, creando occasioni di approfondimento e di confronto. L’Azione Cattolica diocesana, con umiltà e semplicità ma anche con determinazione, intende continuare ad essere a servizio della Chiesa al modo che le è proprio, ossia essendo quella “palestra” di laicità che, negli anni, è stata frequentata da innumerevoli fedeli durante tutto il corso della loro vita, nel ricordo di testimoni luminosi come Giuseppe Toniolo, Giuseppe Lazzati, Giorgio La Pira, Aldo Moro, Armida Barelli, Piergiorgio Frassati, Antonietta Meo, Teresio Olivelli e Vittorio Bachelet.

Sabato 3 marzo, alle ore 10.00, presso il Centro Diocesano, si terrà il 1° incontro.

Locandina

 


 

I 100 anni dell'Istituto delle Ancelle Riparatrici

 

La Congregazione delle Ancelle Riparatrici fa memoria, in questo anno 2018, dei 100 anni trascorsi dalla Fondazione dell’Istituto, avvenuta grazie alla santa ispirazione del sacerdote messinese Antonino Celona, oggi Venerabile.

Dalle parole dello stesso Fondatore si evince quale sia l’espressione tipica del suo carisma riparatore: “Il due febbraio 1918, il sottoscritto iniziava in Messina, con la benedizione dell’Arcivescovo Mons. Letterio D’Arrigo, un pio Istituto di religiose dal titolo di «Ancelle Riparatrici del SS. Cuore di Gesù», la cui missione è quella di fare una perpetua veglia riparatrice, diurna e notturna, ai piedi di Gesù Sacramentato, in riparazione per tutti i peccati del mondo” (Lett. 60) ed essere attive formatrici delle nuove generazioni per il bene dell’umanità.

E dal piccolo seme messinese i frutti della Riparazione si sono diffuse per tutto il mondo ed in particolare negli Stati Uniti, in Brasile, in Africa ed in Polonia.

In allegato la locandina con tutti gli eventi proposti.

Locandina

 


 

Mons. Giò Tavilla nuovo Postulatore della causa del Servo di Dio Mons. Fasola

 

Lunedì 4 dicembre, alle ore 12, presso l’Arcivescovado di Messina, dinanzi all’Arcivescovo mons. Giovanni Accolla e al cancelliere della curia e alla presenza di una rappresentanza dell’Associazione che ha promosso la causa guidati dai signori Ettore e Ada Paternicò, mons. Giacinto Tavilla emetterà il giuramento di fedeltà in qualità di nuovo postulatore della causa di beatificazione e canonizzazione del servo di Dio mons. Francesco Fasola, che fu arcivescovo della chiesa messinese dal 1963 al 1977.

Nominato dall’Associazione “Amici del Servo di Dio Mons. Francesco Fasola” con sede in Piazza Armerina, attore della causa – ovvero promotore del processo canonico – e approvato dall’arcivescovo mons. Accolla, il nuovo postulatore, toccando i santi vangeli, giurerà di compiere fedelmente l’incarico e di tutelare la verità relativa all’indagine canonica che mostri le virtù eroiche del servo di Dio. Don Giò si è formato a Roma, presso la Congregazione delle Cause di Santi, acquisendo la specifica competenza in tale ambito.

La fase diocesana della causa sulla vita, sulle virtù, sulla fama di santità e di segni del Servo di Dio è stata chiesta con una raccolta di ben 18.045 firme di persone che hanno conosciuto e beneficiato del ministero sacerdotale ed episcopale di mons. Fasola, con supplice libello del postulatore di allora, mons. Cocivera, in data 26 maggio 2005. A promuoverla è l’Associazione Amici di mons. Fasola, composta da fedeli laici e sacerdoti appartenenti alle diocesi di Agrigento, Caltagirone, Piazza Armerina e Messina. Il successivo 29 giugno l’arcivescovo Giovanni Marra, accogliendo il supplice libello, con decreto arcivescovile comunicava all’arcidiocesi di Messina - Lipari - S. Lucia del Mela l’apertura della causa, iniziata il 31 marzo 2006 con l’insediamento del tribunale ecclesiastico e la presentazione di 207 testimoni da ascoltare.

Francesco Fasola, nato a Maggiora (NO) il 23 febbraio 1898 e morto a Novara il 1° luglio 1988, fu appartenente alla congregazione degli Oblati dei Santi Gaudenzio e Carlo. Dopo molteplici incarichi pastorali, anche di gravosa responsabilità diocesana, venne nominato vescovo coadiutore di Agrigento e ordinato il 2 maggio 1954, facendo il suo ingresso in diocesi il successivo 20 giugno. Dal 22 gennaio 1961 fu vescovo di Caltagirone per poi giungere nell’arcidiocesi peloritana il 15 settembre 1963 dove vi rimase fino al 1977.

La causa, nella sua fase diocesana, raccoglie prove e testimonianze per attestare le virtù eroiche di mons. Francesco Fasola, affinché – dopo il completamento dell’iter nella Chiesa messinese, sia sottoposta al discernimento della Congregazione prima e del Santo Padre dopo perché mons. Fasola sia proposto come modello per i pastori e i fedeli.

 


 

[altre iniziative - anno 2009-2010]

[altre iniziative - anno 2011]

[altre iniziative - anno 2012]

[altre iniziative - anno 2013]

[altre iniziative - anno 2014]

[altre iniziative - anno 2015]

[altre iniziative - anno 2016]

[altre iniziative - anno 2017]

[altre iniziative - anno 2018]

 

 

 

[altre iniziative - anno 2009-2010]

[altre iniziative - anno 2011]

[altre iniziative - anno 2012]

[altre iniziative - anno 2013]

[altre iniziative - anno 2014]

[altre iniziative - anno 2015]

[altre iniziative - anno 2016]

[altre iniziative - anno 2017]

[altre iniziative - anno 2018]

 

 

gennaio 2015 © Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela - tel. 090.66841 - fax 090.6684202