Esequie: gli orientamenti diocesani (aggiornati)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Sono state rese note le disposizioni adottate dall’Arcivescovo Mons. Giovanni Accolla per la celebrazione dei funerali. Esse tengono conto del DPCM del 26.04.2020, delle note CEI del 30.04.2020 e del 02.05.2020 e della risposta del Ministero dell’Interno alla Segreteria Generale CEI del 30.04.2020. Entreranno in vigore ‪lunedì 4 maggio‬ e saranno valide sino a nuove modifiche o integrazioni.

Le esequie potranno celebrarsi anche con la Santa Messa, in chiesa o in un luogo aperto o al cimitero, evitando ogni forma di assembramento e con un numero massimo di 15 partecipanti che dovranno essere muniti di dispositivi di protezione individuale (mascherina e guanti). Non sarà consentito l’accesso a chi presenti una temperatura corporea superiore ai 37,5°C, manifesti sintomi influenzali o sia venuto a contatto con persone positive al virus Covid-19 nei giorni precedenti la celebrazione.

Durante il rito bisognerà osservare scrupolosamente la distanza interpersonale prevista ed evitare ogni contatto fisico. Per la comunione, non occorrerà spostarsi dai propri posti: sarà il sacerdote a distribuire la Comunione, avvicinandosi a coloro che la desiderano e porgendo la particola consacrata sulle mani dei fedeli.

Per la celebrazione delle Messe feriali e festive, si resta invece in attesa di ulteriori comunicazioni da parte dell’Autorità civile e della Conferenza Episcopale Italiana, dopo le quali si provvederà a dare specifiche indicazioni diocesane.