Presentati il Documento Preparatorio e il Vademecum del Sinodo

Una conferenza stampa in Vaticano presenta i documenti per il sinodo della Chiesa

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Martedì mattina 7 settembre 2021 si è tenuta nella Sala Stampa della Santa Sede, con la possibilità della diretta streaming (che è possibile vedere su YouTube), la Conferenza Stampa di presentazione del Documento Preparatorio e del Vademecum per il Sinodo della Chiesa sulla Sinodalità, dal tema: “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”.

Sono intervenuti il cardinale Mario Grech, Segretario Generale della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi; monsignor Luis Marín de San Martín, O.S.A., Sotto-Segretario della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi; suor Nathalie Becquart Xavière, Sotto-Segretaria della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi; la professoressa Myriam Wijlens, Consultore della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi; e don Dario Vitali, Consultore della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi.

I relatori hanno illustrato obiettivi, caratteristiche, strutture e desideri che i due testi, il Documento Preparatorio e il Vademecum per il Sinodo sulla Sinodalità, propongono. Sono due strumenti elaborati dalla Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi per l’animazione della prima fase dell’itinerario sinodale, una fase diocesana e che interessa da vicino ciascuno di noi. Tale fase si aprirà con una solenne celebrazione eucaristica a Roma con papa Francesco il 10 ottobre e, per la nostra diocesi, con la celebrazione eucaristica nella cattedrale di Messina il 17 ottobre alle ore 19.00.

Il Documento Preparatorio, composto di quattro parti, parte da una domanda: come si realizza oggi il camminare insieme nella Chiesa per annunciare il Vangelo? La prima parte allora mostra l’urgenza dell’appello alla sinodalità perché nessuno si salva da solo, e questo ce lo ha mostrato con forza la pandemia. La seconda parte, più teologica, parte dall’assunto del Concilio vaticano II che la Chiesa è costitutivamente sinodale e che nei Padri della Chiesa il modo di agire con un solo sentire era prassi normale. La terza parte, biblica, propone due immagini: Gesù che predica e intorno a cui si raduna una folla che inizia il suo cammino comune di discepolato, e l’incontro di Pietro con Cornelio negli Atti degli Apostoli, inizio del cammino sinodale della Chiesa primitiva. Infine la quarta parte mostra possibilità concrete da declinare poi localmente per adottare uno stile, per avviare un processo e per creare eventi e possibilità di incontri specifici.

Come più volte ribadito sarà per la Chiesa tutta un momento veramente spirituale, in cui lo Spirito potrà trovare casa con la coerenza, l’entusiasmo, la creatività, il coraggio e la preghiera di tutto il popolo di Dio e aperto dal punto di vista ecumenico e in dialogo con i non credenti.