Le parole dell'Istituto Toniolo

Centenario dell’Università Cattolica

"Un secolo di storia davanti a noi"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

In occasione del centenario dell’Università Cattolica di Roma, viene data condivisione delle parole che l’Istituto Toniolo, Ente fondatore dell’Università, da offerto per l’occasione:

Gentili Amiche e Amici,
in questo 2021 l’Università Cattolica taglia il traguardo dei cento anni di vita. La nostra è una storia giovane, vissuta a grande velocità sull’onda dell’entusiasmo e della crescita: dalla fase pioneristica degli anni Venti allo slancio del Dopoguerra, dal radicamento nel Paese negli anni Sessanta alla internazionalizzazione degli anni Duemila.”
E ora? Ora si apre ‘un secolo di storia davanti a oi’, come dichiara il logo del centenario. Una frase che è insieme espressione di augurio e di consapevolezza: augurio per quel che sarà dato di vivere alla nostra grande comunità; consapevolezza delle responsabilità nuove che si affacciano.
Come ci siamo detti in questi anni, l’Istituto Toniolo, ente fondatore e garante dell’Università Cattolica, continua a operare perché il legame tra il nostro Ateneo e la comunità cristiana si consolidi rinnovando le ragioni delle origini alla luce dei cambiamenti d’epoca e delle grandi sfide che ne derivano.
Purtroppo, la stagione difficile e tormentata della pandemia non si è ancora chiusa. Però possiamo dire che, dopo lo smarrimento e l’incertezza, abbiamo capito che la nostra vita, la nostra società, non può soltanto aspettare. Vivere adesso, sperimentare un significato ora, testimoniare un bene nel presente: in mezzo alle intemperie, nel tumulto della sofferenza. Questo è il più grande contributo che possiamo offrire a tuti. Del resto, è quel che ci hanno insegnato i nostri fondatori: Giuseppe Toniolo, Armida Barelli, padre Agostino Gemelli. A loro, anche nei momenti più bui e devastanti, mai è venuta meno la coscienza del compito storico; sempre essi hanno saputo rispondere positivamente alla domanda più radicale: ne vale la pena? Ecco, le loro responsabilità devono continuare a illuminare la nostra strada, così come è stato nel corso di questi cento anni.