Il diacono permanente Domenico Parisi è tornato alla casa del Padre

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il giorno 18 giugno 2022, dopo un lungo periodo di sofferenza a causa di una malattia degenerativa, ha reso l’anima al Signore il diacono Mimmo Parisi.

Nato il 2 ottobre 1951, Mimmo è cresciuto nel villaggio di Bordonaro ed ha effettuato gli studi che lo hanno portato a conseguire la laurea in ingegneria; è stato sposato con Pina Ciraolo dalla quale ha avuto cinque figli, Emanuele, Silvia, Andrea, Maria Caterina e Laura.

La vita di Mimmo e Pina è stata segnata da una forte esperienza spirituale di tipo carismatico che ha proiettato tutta la loro esistenza a una relazione molto intima con Gesù al servizio di Dio e dei fratelli. La presenza di questi sposi ha profumato sempre di Cristo, in tutti gli ambienti e le situazioni, grazie al loro amore verso il prossimo, agli orientamenti cristiani e alla testimonianza di famiglia santa; l’apertura alla vita – cinque figli –, la decisione di ricevere in affidamento altri due fanciulli, la scelta di preferire l’insegnamento al lavoro professionale sono stati il segno di questa vocazione.

La gioia del servizio si è resa ancor più viva con il completamento degli studi teologici e l’ordinazione diaconale ricevuta il 9 dicembre 2000; l’inizio del ministero lo ha esercitato nella parrocchia di San Filippo d’Agira in San Filippo Inferiore con il parroco don Riccardo Cardullo.

L’esperienza della croce ha segnato però la vita di Mimmo e Pina; la moglie si è ammalata di un male incurabile e ha reso la sua anima al Signore nel 2001, con la figlia più piccola di appena quattro anni. Il diacono Mimmo ha portato avanti la famiglia, guidando i figli per la loro realizzazione ed esercitando il ministero con grande testimonianza, sotto la protezione della Madre Celeste, edificando nella fede tutti coloro che ha incontrato sul proprio cammino. Nonostante la malattia lo avesse preso negli ultimi 11 anni, ha proseguito senza sosta la propria vita al servizio della famiglia e della Chiesa ed è stato inviato, in seguito, nella parrocchia di Stella Maris che ha servito per circa dieci anni al fianco di don Santi Musicò e del diacono Costantino Irrera che ci ha lasciati pochi mesi fa.

L’avanzare della malattia non lo ha portato a limitare la sua presenza nei raduni spirituali o nelle azioni pastorali che ha voluto con gioia seguire sempre presentandosi come vero testimone stimato dai confratelli diaconi e presbiteri per i quali è stato una significativa presenza; per l’esercizio del ministero si è avvicinato a casa per servire la Chiesa S. Maria delle Grazie a Bordonaro al fianco di don Severino Ndimurwanko fino al giorno della sua salita al Cielo.