“Vaccinarsi è un atto d’amore”

".....E contribuire a far sì che la maggior parte della gente si vaccini è un atto di amore. Amore per sé stessi, amore per familiari e amici, amore per tutti i popoli"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

In questo tempo di pandemia, il nostro Arcivescovo Mons. Giovanni Accolla ci ha più volte invitati a pregare e sperare, in comunione con il Santo Padre e con tutta la Chiesa, perché potessimo presto essere liberati dalla pandemia dovuta al Covid-19.
Lo stile di cura del Signore è per la Chiesa un appello ad alimentare relazioni di solidarietà, comunione e attenzione verso tutti, soprattutto i più deboli”.
Oggi più che mai siamo, infatti, chiamati a un forte senso di responsabilità per collaborare con le pubbliche istituzioni, affinché si esortino i fedeli a fare uso del vaccino come atto di dovere non solo nei confronti di se stessi, ma anche verso gli altri.
Nella cura della relazione pastorale non deve mai mancare l’attenzione massima alle persone che s’incontrano e che s’intende servire come operatori. Tale attenzione diventa gesto di amore anche attraverso la scelta di vaccinarsi”, come ha ricordato Papa Francesco nel video messaggio ai popoli dell’America Latina del 18 agosto 2021. Ciò significa che la Chiesa non vuole rimanere estranea e, con la sua presenza sul territorio, attraverso i pastori, non vuol far altro che suggerire e incoraggiare la gente a vaccinarsi, percependo sempre più la vaccinazione come atto di civile convivenza oltre che come segno di carità fraterna: “Facciamolo come atto di risposta al mandato del Signore di servirci gli uni gli altri, come lui si è fatto nostro servo; come segno di accoglienza del suo invito a prenderci cura gli uni degli altri, come lui si è preso cura di noi”.
Anche se le attività pastorali sono ancora condizionate dalle giuste e dovute attenzioni per contenere il rischio di contagio dal virus, la campagna vaccinale – tuttora in corso nel Paese – permette di far tornare all’ordinario quanto finora previsto come straordinario o emergenziale”.
Laddove si ravvisi la necessità, si provvederà, tra l’altro, a fare una mappatura del territorio per vedere se alcuni ambienti delle nostre realtà ecclesiali possono essere luoghi per il conferimento del vaccino.

Locandina

Consulta: https://www.chiesacattolica.it/curare-le-relazioni-al-tempo-della-ripresa/