"Al sepolcro si va insieme", dice il Vescovo Ausiliare

S. Messa di Pasqua: Insieme al sepolcro

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il Vescovo Ausiliare, Mons. Cesare Di Pietro, ha presieduto oggi la Messa di Pasqua in Cattedrale. Ricordando come “Colui che rinchiude l’universo si rinchiude nel sepolcro per riscattare l’umanità”, ha auspicato il riscatto dalle potenze del male, dalla pandemia, dai macigni che invadono la nostra vita, dagli ostacoli che ci tengono prigionieri non solo delle nostre case, ma anche dei nostri egoismi.

“Nella corsa dei discepoli al sepolcro – ha detto Mons. Di Pietro – possiamo scorgere l’ansia della Chiesa che cerca il Risorto”. Per questo ha invitato ad avere occhi nuovi per riconoscere i molti germi di risurrezione nell’abnegazione dei tanti nuovi crocifissi della storia (medici, infermieri, volontari, sacerdoti, suore…) ma anche nelle tante forme di solidarietà e carità che stanno nascendo in questo particolare momento di prova.

“Al sepolcro si va insieme, anche se si arriva in modo diverso”. Tanti sono, infatti, i temperamenti, le sensibilità e i doni degli uomini. Ma occorre sempre collaborare nella diversità, perché soltanto insieme si può ricostruire l’orientamento dell’esistenza cristiana.

“E se qualche volta, anche noi, facciamo fatica a riconoscere i segni del Risorto” – ha concluso – “lasciamoci guidare dalle Scritture, che mai smetteranno di orientare la nostra vita. Attingere al tesoro inesauribile della Parola di Dio è fondamentale per illuminare anche i giorni più opachi”.